Herschel2018-11-14T10:22:08+00:00

Project Description

Herschel
Worldwide retail format
2016

Herschel gallery

Interpretare un brand e declinarne i valori e i contenuti in uno spazio significa espanderne le caratteristiche inespresse e individuare i codici di linguaggio distintivi che ne rappresentano lo stile, per trasferirli in un ambiente che li comunichi. I caratteri di essenzialità di Herschel sono già evidenti nel prodotto, nel visual, nei dettagli e nei materiali, nelle forme, nei volumi e nelle tonalità cromatiche primarie e neutre.

Il progetto prevedeva l’inserimento parziale di alcuni elementi di arredo già in dotazione presso Herschel e utilizzati in prevalenza in corner e negozi standard, tavolini e pannelli attrezzati a riquadri polimaterici con ganci e ripiani.

Questi arredi sono stati integrati in un concept più innovativo e articolato che genera un sistema di esposizione evoluto in sintonia col design degli elementi esistenti.

Un flagship implica una dimensione espressiva più ampia che prevede una visione allargata del prodotto e delle modalità con cui si presenta in un habitat univoco e caratterizzante.

L’idea base consiste in un atteggiamento stilistico no-design e minimale, con l’individuazione di una ritmica espositiva lungo le pareti laterali che permetta di identificare una segmentazione del merchandising più scenografica e che comprenda anche gli arredi esistenti in un dialogo coerente per materiali e design.

Ho cercato di scolpire un volume neutro, senza disegnare arredi, allo scopo di privilegiare al massimo la visibilità del prodotto.

Lo spazio in Corso di Porta Ticinese a Milano si presta a trasformarsi in una galleria espositiva ideale, 130 metri quadrati in un layout stretto e lungo che piega verso sinistra e in fondo rivela una parete con uno stage rialzato dedicato ad accogliere la community Herschel in un’area di lettura ed eventi.

L’involucro spaziale è interamente rivestito in una speciale resina ad effetto cemento che rende un effetto cromatico satinato, omogeneo e mono-materico su pareti e pavimenti, il tutto in un non-colore per eccellenza, il grigio madreperla, che consente l’inserimento del prodotto in tutti i suoi cromatismi senza interferire e rendendolo protagonista.

Ho diviso le pareti esistenti in nicchie i cui fondali sono illuminati da una sorgente led nascosta che evidenzia la matericità delle superfici, alternate a grandi cornici scenografiche in legno, introducendo quindi un nuovo sistema espositivo a raster di parallelepipedi aggregati, una filigrana a matrice wireframe in ferro in grado di sostenere ed appendere i prodotti in modo discreto e random.

Nicchie e cornici, il tutto in un housing architettonico estremamente razionale, costruito con materiali autentici e acromatici, una tavolozza composta di cemento, legno, ferro illuminati in modo teatrale.

La luce è fatta di segni semplici, disegna le ombre degli elementi in ferro sulle pareti come pattern decorativi.

Un sistema che genera geometrie fatte di linee e di luce.

In queste singole realtà espositive il prodotto acquista un’identità più evidente, come quadri in un’esposizione, all’interno di ogni singola nicchia o cornice si evidenzia l’unicità di uno stile e la sua declinazione nelle varietà di abbinamenti di prodotto e collezione.

Herschel è avventura, viaggio, stile, libertà.

Il sistema si rivela uno strumento versatile che consente di raccontare una storia e sceneggiarla in ogni singola cellula espositiva, tematizzata anche con l’inserimento di un visual di comunicazione che identifica un Total look diversificato in ogni area espositiva.

MEDIA

mffashion.com

Herschel supply, da Milano parte la conquista dell’Italia

corrieredellosport.it

Herschel Supply apre a Milano il suo primo store in Italia

pambianconews.com

Gli zaini Herschel aprono in Italia

donna.fanpage.it

Herschel Supply arriva a Milano con il primo flagship italiano

Back to portfolio